Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 18 Ottobre 2021

117

È il vangelo della missione. Gesù ne designa al 72 apostoli e li manda ad annunciare che  il regno è lì…arriva con la loro persona e la loro vita. Essi annunciano un nuovo modo di stare nel mondo basato sulla pace innanzitutto. Il missionario cioè ogni cristiano è un tutt’uno con la missione. Va sapendo che come agnello si inoltra in un mondo di lupi, va con la sua povertà, ricco solo dello Spirito del risorto che lo abita.

Uomo libero perché liberato. Uomo che guarisce le ferite altri perché guarito. Un uomo di pace perché pacificato dentro. Insomma un convertito dallo spirito della mondanità allo Spirito del Risorto. Solo chi si è lasciato convertire, può convertire altri all’amore di Dio. Non ci facciamo illusioni! Non c’è posto per i falsi d’autore in questo campo.

Abbiamo bisogno più che mai  di questi missionari oggi. Perché sono sempre  più pochi. Perciò Gesù ci invita a pregare il Padre che susciti uomini e donne dediti solo alla missione. Essi sono una benedizione x coloro che hanno la grazia di incontrarli. Come li accolgo nella mia vita? Come li  sostengo? Quanto sono loro grato?…

Quanto mi sento “convertito” dentro, per definirmi anche io missionario, cioè inviato da Dio a convertire il mondo al suo amore? Come percepisco questa responsabilità? A chi dico con la mia vicinanza: l’amore di Dio è qui, per te?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 18 Ottobre 2021
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 18 Ottobre 2021