Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2022

126

- Pubblicità -

Non bisogna mai mettersi contro Dio perché si è sempre sconfitti. Dio porta sempre a termine i suoi progetti, nonostante noi facciamo di tutto per cambiarli. E come li cambiamo questi progetti di vita e di benessere che Dio ci vuole donare ? Con la malvagità.

La nostra cattiveria vuole cambiare i piani di Dio che sono pieni di bontà. La guerra in corso ci sta facendo vedere come la cattiveria anche di pochi, vuole infrangere la pace nel mondo . Sembra che vinca ma non è così. Dio trasforma tutto in bene, donando e togliendo. La vigna della parabola è il nostro mondo di cui ci siamo resi proprietari e non più servi.

E chi si sente padrone schiavizza gli altri e li uccide. Ma non suamo i padroni del mondo! Tutto ci è dato da Dio. E tutto a Lui ritorna. Chi estromette Dio dalla propria vita pensa che tutto sia suo. Ma nella tomba non portiamo nulla con noi. Anche il nostro corpo dobbiamo lasciare, consegnare alla terra e a Dio. E chi rifiuta Dio sarà poi rifiutato da Lui.

Oggi rifletto su quanto mi sento padrone del mondo, dei mie beni, delle persone a me care…. Tenendo ai margini Dio e il suo progetto d’amore per me. Dovrò lasciare tutto e tutti. Il pensiero della morte ci ridimensiona sempre. È utile pensarla in questi termini, soprattutto in quaresima , cammino di conversione profonda che ci può far passare , se vogliamo, dalla morte alla vita.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2022
Articolo successivoFraternità Gesù Risorto – Commento al Vangelo di domenica 20 Marzo 2022