Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 17 Aprile 2021

153

Brano  fortemente simbolico oggi per dirci che Gesù ha sconfitto ogni male, rappresentato dal mare agitato, dei forti venti. Tutto ciò che ci agita nella vita, tutto ciò che ci fa paura, che è il regno del male dentro di noi e fuori di noi, è stato vinto dal risorto. L’ “io sono” con il quale Gesù si manifesta camminando sulle acque è l’auto rivelazione di Gesù come colui che domina tutto il creato perché è Dio.

I discepoli ebbero paura, sentimento giustificato dal fatto di vedere qualcosa di estremamente incomprensibile alla mente umana: un uomo che cammina sulle acque! Ma questa paura è vinta dalla  presenza di Gesù:sono IO, non abbiate PAURA! La certezza  che il risorto è con noi e che ha vinto già la morte e il male,  ci dà il potere di vincere a nostra volta, e ci riempie il cuore di pace.

La pace è assenza di paura. La pace è sapere che anche nei momenti difficili della nostra vita, sulla nostra barca c’è il risorto che ci conduce al porto sicuro, che non ci fa naufragare. Gesù chiederà a Pietro di camminare sule acque e questi per paura sprofondera’… Ma Gesù lo tirerà fuori. È la fede in Lui che ci fa camminare sulle acque del male, ci fa dominare ogni male e avversità. Non ci fa soccombere.

La paura ci viene messa nel cuore dal maligno, sempre. Il Risorto invece ci dona la pace, sempre. Oggi metto nel cuore di Gesù Risorto tutte le mie paure, i miei momenti difficili, magari quelli che sto vivendo adesso e chiedo al Signore Gesù di prendere possesso della mia vita così com’è, di inondarmi della sua pace e della sua potenza per vincere il male che mi insidia.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentePablo Erdozáin – Commento al Vangelo del 17 Aprile 2021
Articolo successivodon Marco Pozza – Commento al Vangelo di domenica 18 Aprile 2021