Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 16 Giugno 2022

62

- Pubblicità -

Quante volte abbiamo pronunciato questa preghiera nella nostra vita ? Non si possono contare! Eppure è la più difficile da concretizzare. Prima perché ci chiede un approccio a Dio da figli e non è scontato per chi ancora oggi ha un immagine di Dio severo, giudice…lontano nei cieli.

E poi perché non è facile sentirsi fratelli, pronti a perdonarci, non è facile abbandonarci alla provvidenza di Dio e infine non è facile resistere agli agguati del Maligno. Insomma la preghiera che Gesù ci ha insegnato e consegnato (l’unica ) è un cambiamento di vita che viene sorretto dalla volontà di essere fedele al Signore.

Gesù ci ha restituito l’immagine di Dio come Padre. Il nocciolo della questione è tutto lì. Oggi voglio pronunciare le parole di questa preghiera adagio, in modo da assimilarle, sostare su ogni parola e farla risuonare dentro di me.

E come un mantra pronunciare la parola Padre chiedendogli di darmi la consapevolezza della mia identità di figlio e fratello universale.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

 

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 16 Giugno 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 16 Giugno 2022