Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2021

74

Questa è una delle pagine meno capite dalla cristianità ancora oggi. E cioè che Dio si è fatto carne, è diventato uno di noi nel Figlio suo Gesù, per riportare a sé i malati dell’anima e del corpo per riportare a sé coloro che sono lontani, coloro che non lo conoscono, coloro che hanno perso la strada della felicità.

Per questo Gesù ancora oggi va alla ricerca dei lontani, si piega su chi è ferito sulla strada, cerca le pecore smarrite per riportarle a sé. Noi invece ancora oggi emarginiamo chi non si allinea al nostro modo di pensare, di fare, non entra dentro le leggi canoniche della chiesa. Chi fa ancora i distinguo tra chi si salva e chi no, tra i santi e peccatori!

Pagina molto scomoda che ci invita a riflettere profondamente al cuore del messaggio cristiano: Gesù è venuto per chiamare a sé, quindi all’amore e alla felicità, alla realizzazione piena, ogni uomo, ma in particolare chi è lontano da lui per qualsiasi motivo. Quando lo capiremo anche la nostra vita cambierà e saremo allora veramente cristiani. Finché non lo capiamo la nostra fede sarà solo di facciata sarà pura religiosità, ma il cuore della nostra fede è lontano da quello di Gesù.

Ancora oggi noi ci scandalizziamo come i Farisei di ogni atteggiamento di misericordia di Dio nei confronti dei poveri, ci scandalizziamo del Papa che non solo parla di misericordia ma usa la carità per i più poveri… Dio non ama i farisei ma i peccatori. Riconosciamoci tali, come Levi e saremo salvi. Sr Palmarita Guida 


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2021
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2021