Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 15 Giugno 2022

57

- Pubblicità -

Io modo di guardare di Dio è unico:vede le cose nascoste, quelle che non si vedono ad occhio nudo. Non è magia. È amore. Solo l’amore vede l’invisibile, solo l’amore ascolta il non detto.

Dio vede ne cuore, vede con quale spirito e intenzione facciamo le cose. Gli altri non possono vedere tutto questo. Ecco perché l’apparenza inganna. Dio invece non si inganna mai perché lui vede la verità di noi. E ci ricompensa cioè ci ripaga col suo amore per ogni gesto d’amore compiuto verso gli altri, verso di lui, verso di noi.

Si, perché l’elemosina non è altro che l’amore usato nei confronti degli altri, la preghiera è l’amore verso Dio e l’ascesi o digiuno è l’amore verso se, stessi che ci fa fare un cammino di purificazione dal nostro ego.

Questo modo di vedere di Dio non è il nostro, evidentemente. Ma ci aiuta a capire il suo modo di agire e ciò che vuole da noi:una santità vera e non di facciata. Come stiamo messi noi a tal proposito? Oggi mi lascio guardare nel segreto del mio cuore da Dio. Decido di farlo ogni giorno. È li la santità. È quello sguardo intimo che mi converte dalla santità apparente a quella vera.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

 

Articolo precedenteEsegesi e meditazione alle letture di domenica 19 Giugno 2022 – don Jesús GARCÍA Manuel
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 15 Giugno 2022