Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 14 Luglio 2021

21

Vuoi conoscere Gesù, vuoi fare esperienza del tuo Dio? Bene, ti devi fare piccolo, cioè semplice, povero senza impalcature. Una persona che si abbandona completamente all’azione del suo Dio, è nel abbandonarsi  la chiave per iniziare una conoscenza profonda di Dio e conoscenza significa fare esperienza della sua presenza, del suo amore.

Significa intuire il suo modo di pensare e di agire. Quando siamo troppo pieni di noi stessi,  del nostro sapere anche religioso, siamo lontani da Dio ed Egli rimanere fuori dalla porta della nostra vita. Il camino di piccolezza è stato il cammino di tutti i Santi. Gesù poi esulta e loda il Padre per questo criterio che egli stesso ha riconosciuto qui sulla Terra: Dio si rivela soltanto ai semplici.

Gesù è il semplice per eccellenza, è il Figlio di Dio e si può rivelare solo ai semplici. Dobbiamo fare un cammino enorme di semplificazione delle nostre persone e della nostra fede per poter entrare davvero in rapporto con l’autentica immagine di Dio e non con quella che noi ci siamo costruiti. Siamo tutti troppo complicati e abbiamo complicato la nostra vita.

Aprire il cuore a Gesù così come un bambino apre il cuore  ai suoi genitori credendo in loro in tutto, fidandosi di loro in tutto… solo così possiamo fare esperienza di un amore gratuito che ci oltrepassa e che ci rende felici perché realizzati come persone e come figli del Dio dell’amore. Questa pagina mi interroga oggi sulle mie impalcature mentali, fisiche, spirituali. Che cosa devo semplificare? Da dove devo iniziare?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 14 Luglio 2021
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 14 Luglio 2021