Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022

65

- Pubblicità -

Quando si tradisce l’amore lo si fa sempre a ragion veduta. Non è qualcosa che sfugge al nostro controllo. No. È tutto calcolato, studiato, ponderato. Come è stato per Giuda. Salvo poi far finta di niente o negare quando si viene scoperti. È questa l’ipocrisia del tradimento. I nostri piccoli o grandi tradimenti sono sempre tutti calcolati.

Si può tradire la fiducia degli altri e quindi l’amore, l’amicizia, la stima… Cose che viviamo tutti i giorni. Lo facciamo noi oppure lo subiamo. Ma davanti a Dio i nostri tradimenti dell’amore sono tutti registrati. E se non ci si ravvede…

Sono guai! Nel senso che abbiamo sprecato la nostra vita. Non abbiamo vissuto davvero. Una vita vale in funzione dell’amore donato. Senza amore la vita è sprecata. La radice di ogni tradimento è l’ipocrisia che abita il nostro cuore. Perché tradire significa voltare le spalle all’amore che è verità. L’ipocrisia è invece menzogna verso se stessi, gli altri, Dio. Ogni ipocrita è un traditore.

Quali sono i miei tradimenti? Me ne rendo conto? Come riconvertirmi all’amore?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteTV2000: la Settimana Santa con Papa Francesco
Articolo successivodon Federico Della Bella – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022