Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 11 Novembre 2021

89

La maggioranza dei cristiani sono come questi farisei, che pur essendo osservanti della Legge, non avevano capito nulla del Regno di Dio. Sì, perché osservanza della Legge e Regno di Dio non sono la stessa cosa.

Il Regno è la persona di Gesù in mezzo a noi. I farisei lo avevano davanti e non lo riconoscevano. Noi a 2000 anni di cristianesimo, sappiamo molto più dei farisei, ma facciamo fatica a comprendere che Gesù è in mezzo a noi. Nei nostri respiri, sguardi, gesti, parole. Egli è in noi e fra noi. E come lo si riconosce? Dall’amore.

Dove c’è amore vero c’è il Regno presente, concreto. Per arrivare a percepirlo però bisogna passare per la via della sofferenza, come Gesù. Quella intima personale che nasce dal travaglio di partorire amore sempre e ovunque, e quella che ci viene dal mondo che è ancorato alle sue leggi e non comprende il Regno.

Oggi mi chiedo quanto percepisco la presenza del Regno di Dio cioè del suo Amore in me e intorno a me. Quanto ci metto del mio per rendere questa presenza comprensibile agli altri.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 11 Novembre 2021
Articolo successivodon Andrea – Commento al Vangelo del 11 Novembre 2021