Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 11 Giugno 2022

71

- Pubblicità -

Ecco l’invio in missione dei discepoli. Gesù manda a predicare l’arrivo del Regno con tutte le sue manifestazioni:guarigione, liberazione, provvidenza, pace. Ancora oggi ogni battezzato è inviato da Gesù al mondo per guarire, liberare, essere provvidenza per altri e ricevere provvidenza da Dio e infine essere operatore di Pace portandola ovunque e a chi la vuole accogliere.

Annunciare il Regno non è questione di parole ma di azioni. Bisogna immergersi nel Regno per annunciarlo. E il Regno è Gesù con la sua Presenza che opera grazie al suo Spirito in noi e attraverso di noi. Un cristiano che non evangelizza non è cristiano. Tutti possiamo compiere guarigioni, liberazioni, se in noi lasciamo agire lo Spirito. Prima di tutto ci lasciamo guarire e liberare per poter guarire e liberare altri da ogni genere di sofferenza.

Se siamo testimoni che la Provvidenza di Dio ci basta e che la sua Pace ci abita. É questo lo stile del cristiano. Quanto mi appartiene questo stile??? Quanto lo desidero?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

 

Articolo precedenteGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 11 Giugno 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 11 Giugno 2022