Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 10 Giugno 2021

56

Gesù inizia una serie di commentari ai diversi punti della Legge che veniva interpretata a suo tempo da varie correnti, potremmo dire teologiche, alcune più larghe, altre più strette. Anche Gesù è abbastanza largo per quanto riguarda i criteri della purità per esempio, mentre è molto più rigido per quanto riguarda le relazioni interpersonali.

Il Vangelo di oggi ci parla  dell’ esigenza di avere relazioni ottimali con tutti. Certo non è facile perché non dipende sempre da noi.. ma da parte di ciascuno di noi ci deve essere questa attenzione se abbiamo dentro l’amore di Cristo, che ci spinge a instaurare rapporti pacifici, benevoli, misericordiosi con ogni nostro fratello.

La fatica quotidiana del cristiano che non è un’isola ma vive con gli altri, sono proprio le relazioni, iniziando dalla propria famiglia. Oggi mi chiedo su quali relazioni devo spendere maggiore tempo, energia e cuore perché non rispondono a questo ideale che Gesù mi propone e quali sono i punti su cui io devo lavorare affinché le relazioni con gli altri divengano sempre più positive. In che senso trovare l’accordo con gli altri, cioè stringere legami duraturi e significativi?

Che significa per me fare il primo passo verso l’altro nella sua diversità? Sono convinto che la disunione viene dal Maligno che è il divisore per eccellenza? Come vaccinarmi dal virus della divisione dal mio fratello /sorella sapendo che in ultima analisi la vita si gioca sulla qualità delle relazioni?

Sono convinto di  dover coltivare tutte le relazioni e poi discernere quelle tossiche da quelle santificanti? Ma per caso…sono io una persona tossica per gli altri?…


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Giugno 2021
Articolo successivodon Fulvio Capitani – Commento al Vangelo del 13 Giugno 2021