Sebastián Puyal – Commento al Vangelo del 28 Ottobre 2021

90

Come altre volte, il vangelo di oggi ci mostra il comportamento del Signore prima di un avvenimento importante: si ritira a pregare. In questo caso passa la notte in preghiera. “Quando fu giorno” riunì i discepoli e, tra loro, scelse i dodici apostoli. Saranno essi i testimoni delle opere di Gesù e quelli che gli daranno continuità.

Oggi festeggiamo due di questi dodici eletti: Simone e Giuda Taddeo (solo Luca lo chiama Giuda figlio di Giacomo, a differenza di Matteo e Marco che lo chiamano Taddeo). È notevole la differenza esistente tra i discepoli e il gruppo dei dodici, degli Apostoli. Sarà su di essi, su queste dodici colonne, che il Signore organizzerà e costruirà la sua Chiesa.

Il Signore sceglie gli Apostoli, dà loro il potere di continuare l’opera della salvezza e li invia, come ricorda il Concilio Vaticano II, affinché, «partecipi della sua potestà, rendessero tutti i popoli suoi discepoli, li santificassero e li governassero, e così diffondessero la Chiesa e la pascessero esercitando il loro ministero, sotto la guida del Signore, tutti i giorni sino alla fine del mondo»[1].

La festa e il vangelo di oggi ci possono servire per aumentare il nostro amore alla Chiesa di Cristo, che è apostolica perché è stata fondata sui dodici apostoli, i quali, fin dall’inizio, istituirono i loro successori: i vescovi.

Sebastián Puyal

[1] Concilio Vaticano II, Lumen gentium, n. 19.


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentep. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 28 Ottobre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 31 Ottobre 2021 – Paolo Curtaz