San Giovanni Crisostomo – Commento al Vangelo del 28 Ottobre 2019

65

San Paolo diceva: “La debolezza di Dio è più forte degli uomini” (1Cor 1,25). Che la predicazione sia opera di Dio è evidente. Come avrebbero potuto pensare una simile iniziativa dodici uomini, ignoranti, che vivevano vicino a laghi, fiumi e nel deserto?

Persone che non avevano mai frequentato le città e le loro assemblee come potevano pensare ad andare in tutta la terra? Erano impauriti, non avevano coraggio: l’evangelista bene lo spiega, non ha voluto giustificare né nascondere i loro limiti. E’ la prova più forte della verità. Cosa dice di loro?

Quando Cristo è stato arrestato, dopo aver fatto innumerevoli miracoli, la maggior parte di loro sono scappati e quello che era il capo fra loro è rimasto, ma l’ha rinnegato. Mentre Cristo era in vita, questi uomini erano incapaci di affrontare gli attacchi dei suoi nemici. E quando è morto ed è stato sepolto…, come credete che si sarebbero mossi contro la terra intera? Avrebbero potuto dire: “Non è stato capace di salvare se stesso e adesso ci proteggerà?

Quando era vivo, non ha potuto difendersi e ora che è morto riuscirà a difenderci? Quando era vivo non ha conquistato alcuna nazione e noi riusciremo forse a convincere la terra intera parlando in suo nome?” (…) Dunque è evidente: se non l’avessero visto risorto e non avessero avuto la prova della sua onnipotenza, non avrebbero corso tale rischio.

Fonte: «Vangelo del Giorno» è un servizio proposto dall’associazione internazionale Evangelizo.

Passò tutta la notte pregando e scelse dodici ai quali diede anche il nome di apostoli.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6, 12-19


In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Parola del Signore

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 28 Ottobre 2019
Articolo successivodon Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 28 Ottobre 2019