Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2020

79

Il muto fu guarito. I ciechi no. Non furono guariti perché erano accecati nell’anima, nella volontà, nei pensieri. Dio onnipotente si ferma impotente dinanzi a una volontà che non vuole cambiare, un cuore che non vuole vedere. In situazioni così, Gesù passa oltre.

In questo tipo di terra l’annuncio del vangelo non mette radici, le malattie dell’anima – non riconosciute come tali – non vengono risanate. Mentre dove ci sono cuori disposti, il Signore si ferma, parla, ha la meglio la sua compassione.

Ma cosa vuol dire quanto appena detto? Che il Signore resta indifferente verso chi è indifferente nei suoi confronti? Assolutamente no! Anche per chi rifiuta la sua compassione, Gesù comunque vive la sua passione. Ama fino alla morte.

Preghiamo il Signore che mandi operai per la sua messe con un cuore così. Un cuore che sente compassione per i cuori puri e arde di passione per i cuori induriti.


Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.