Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 6 Febbraio 2020

367

Una volta, una persona offrì generosamente a madre Teresa un’immbolie importante. La madre, si informò sulle caratteristiche e, alla fine, disse: «Grazie, ma non posso accettare». A quel punto, un collaboratore le disse: «Madre, ma è gratis, prendilo!».

La risposta di madre Teresa arrivò subito: «Ho detto di no. Ciò che non mi serve, mi ostacola». Queste parole semplici ma incisive di una santa sono un’ottima spiegazione dello stile spartano, anzi, evangelico, che Gesù si aspetta dai suoi discepoli.

Non è ascesi senza fine o fine a se stessa. È il prezzo della libertà. Ciò non significa non avere nulla. Una famiglia che evangelizza è diversa da una comunità religiosa. Un parroco di campagna è diverso da un parroco di città. È piuttosto importante cogliere un criterio sapienziale: ciò che non mi serve, mi ostacola.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Incominciò a mandare i Dodici.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 6, 7-13 In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano. Parola del Signore