Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 30 Dicembre 2019

19

All’apparenza, questo vangelo ci propone due quadretti di due vite che si incontrano: una vita in cammino verso il tramonto, quella della profetessa Anna; e una vita nascente, quella del bambino portato dai suoi genitori.

Ma in profondità c’è molto di più. Quel bambino è ‘l’Antico dei giorni”, è l’Eterno, e quella donna anziana è stata custodita nella giovinezza dall’ attesa del suo Dio, suo Salvatore. Sì, Anna è una maestra di attesa. Anna ha vissuto la nuzialità umana, ma da quella è risalita alla nuzialità che tutti siamo chiamati a vivere: la nuzialità divina.

E all’arrivo del Salvatore sembra più una giovane anima sposa pronta a accogliere il grido di giubilo: «Ecco lo Sposo, uscitegli incontro». Verso la fine di quest’anno, questo vangelo vi invita a non invecchiare, ma a crescere nell’attesa e nell’annuncio della speranza del Salvatore.

Sembra innaturale perché tutto dice l’opposto, ma Anna ci dona una chiave: l’assiduità nella preghiera.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Anna parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione.
Dal Vangelo secondo Luca Lc 2, 36-40 [Maria e Giuseppe portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore.] C’era una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme. Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui. Parola del Signore
Articolo precedentePiotr Zygulski – Commento al Vangelo del 30 Dicembre 2019
Articolo successivoCommento al Vangelo del 30 Dicembre 2019 – p. Silvano Fausti