Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2020

220

Il saggio punta alla luna, il fesso fissa il dito. Questo vangelo ci presenta una situazione simile. Il popolo non guarda agli eventi della storia della salvezza di cui è oggetto nella loro piena portata. Non vede la mano dell’Altissimo che opera salvezza, ma si ferma si figure intermedie, come Mosè.

Gesù, geloso della gloria del Padre, spinge a risollevare lo sguardo: «Non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero». E cos’è questo pane? È la manna del deserto? No, anche quella era un simbolo che puntava a u a realtà più grande: il vero cibo non è un cibo terreno, ma è il pane degli angeli, il Signore stesso. La saggezza divina punta ben oltre la luna, punta a Cristo, il Sole della giustizia, Pane e viatico della nostra esistenza.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.