Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 26 Settembre 2019

6

«La coscienza, insegnava Newman, è la messaggera di Colui che, nel mondo della natura come in quello della grazia, ci parla velatamente, ci istruisce e ci guida».

E com’è bello vedere che anche in una persona come Erode, che ha ucciso una persona che faceva eco della sua coscienza, comunque quella voce interiore non è stata del tutto spenta.

La coscienza è in noi segno della fedeltà di Dio, che non si arrende mai e cerca di svegliare in noi il senso del buono, del vero e del bello. Che cerca, in definitva, di svegliare in noi il senso di sé. La coscienza però corre due rischi: o di essere addormentata, oppure di essere tradita con la mera cursioita.

«Cercava di vederlo». Ma non basta cercare di vedere Gesù, bisogna seguirlo e bisogna lasciarci cambiare dall’incontro.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 9, 7-9


In quel tempo, il tetràrca Erode sentì parlare di tutti questi avvenimenti e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risorto dai morti», altri: «È apparso Elìa», e altri ancora: «È risorto uno degli antichi profeti».
Ma Erode diceva: «Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?». E cercava di vederlo.

Parola del Signore

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 26 Settembre 2019
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo di oggi, 26 Settembre 2019