Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 22 Giugno 2019

111

Il vangelo non ci invita a un distacco fine a se stesso. Il distacco a cui siamo chiamati ha due fini importanti. Il primo fine è l’aggrapparsi al Signore.

Anzi, più che fine, è il motivo per cui ci distacchiamo, facciamo spazio, prepariamo il cuore. Il secondo motivo è che l’attaccamento alle cose, al denaro, ci fa false promesse.

I soldi possono comprare tante cose, ma non comprano ciò che è più importante. Possono comprare medicine e cure, ma non garantiscono la guarigione. Possono comprare edifici, ma non sono loro a far sentire un posto come “casa”.

Possono comprare diversivi, ma non la felicità. Il punto di discrimine è saper collocare i soldi nel loro luogo: servono, finché non siamo i loro servi.

Fonte: il sito di Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 22 Giugno 2019
Articolo successivoVideomessaggio del Santo Padre Francesco ai partecipanti alla Conferenza online “#StopCyberbullyingDay – 24h Scholas Talks”