Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2019

2

Quante volte anche io chiamo Gesù fuori proprio mentre sta parlando. Penso che i suoi progetti non mi riguardino e allora resto fuori, in attesa che venga da me ed entri nella mia lettura e nella mia prospettiva sulle cose.

Non mi ci vedo dentro e non mi lascio coinvolgere nella sua versione, nel suo annuncio, nel suo disegno. E lo faccio forse con l’alibi di una familiarità speciale. Sai, Signore, siamo compagni di strada da decenni!

La familiarità con il Signore è un dono, ma che deve essere custodito, accudito, rinnovato. Non può vantare intimità passate perché l’intimità va nutrita ogni giorno. E questo vangelo ci indica il nutrimento fondamentale, quello che Gesù stesso chiama «il mio cibo»: fare la volontà del Padre.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli!»

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 12, 46-50
 
In quel tempo, mentre Gesù parlava ancora alla folla, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori e cercavano di parlargli.
 
Qualcuno gli disse: «Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e cercano di parlarti».
 
Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Poi, tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre».

Parola del Signore