Robert Cheaib – Commento al #Vangelo del 19 Marzo 2019

232

Discenere è anche accettare di non capire tutto. È sapere che ci sono momenti in cui bisogna tacere e ascoltare. È non fare dire agli eventi più di quanto siano capaci di dire al momento.

È non camminare un passo davanti a Dio, né forzare la Mano che ci tiene saldi. Discenere è discendere: discendere dalle immagini che abbiamo costruito della nostra vita verso la concretezza, verso la realtà, verso l’attesa che non è passività.

Discendere è ascendere, anzi, è permettere al Signore di elevarci, di dire al nostro cuore «non temere». Discenere è custodire il «Figlio di Dio» che è affidato quotidianamente alle nostre braccia, ai nostri gesti, alla nostra «giustizia». Grazie Giuseppe perché ci insegni tutto questo. È un compito troppo grande per la nostra piccolezza. Prega per noi.

Fonte: il sito di Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Mt 1, 16.18-21.24
Dal Vangelo secondo Matteo

Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]