Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 19 Luglio 2019

127

«Fatta la legge. Trovato l’inganno». Forse ci sfiora il pensiero al vedere come cambiano le norme e i precetti dall’Antico al Nuovo Testamento. Ma è proprio così?

Se guardiamo la pedagogia del Signore, notiamo invece una coerente evoluzione che tiene al centro non le norme, ma i due volti che devono incontrarsi nella e oltre la norma: il Signore e l’essere umano.

Non è allora questione di elusione della legge, ma di delucidazione del suo cuore palpitante, della sua essenza più profonda: l’incontro nuziale tra il Creatore e la creatura.

Tutto il resto è un contorno che acquisisce la sua importanza dalla preparazione delle nozze divine.

Fonte: il sito di Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Il Figlio dell’uomo è signore del sabato.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 12, 1-8

In quel tempo Gesù passò, in giorno di sabato, fra campi di grano e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle.
Vedendo ciò, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare di sabato».
Ma egli rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Egli entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che né a lui né ai suoi compagni era lecito mangiare, ma ai soli sacerdoti. O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio vìolano il sabato e tuttavia sono senza colpa? Ora io vi dico che qui vi è uno più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significhi: “Misericordia io voglio e non sacrifici”, non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

Parola del Signore.