Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 18 Luglio 2019

34

Se abbiamo l’abitudine di tradurre subito il vangelo in chiave morale (e moralizzante), questa pagina ci disarma. Questa pagina ci invita ad accogliere la nostra piccolezza, la nostra fragilità, la nostra povertà.

E come accoglierla? Sapendo che è il nostro biglietto d’ingresso nelle grazie di Cristo. Io, proprio io, esausto ed esaurito come sono, sono infinitamente amato da Cristo. E perché mai parla di giogo? Per vari motivi, ma mi piace sottolinearne uno, forse molto sottile e non immediato.

È un “giogo” essere amati senza motivi, o, di più, essere amati quando non ci amiamo e non ci sentiamo degni dell’amore… Ma accogliendo questo gioco sperimentiamo la gioia più grande, quella dell’Amore come grazia e non come merito.

Fonte: il sito di Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.