Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2019

291

«Dio, nostro Salvatore, […] vuole che tutti gli uomini siano salvati e giungano alla conoscenza della verità», dice San Paolo. E di fatti, egli usa tutti i mezzi possibili per raggiungere i suoi figli e per farsi raggiungere da loro.

L’episodio del centurione è un esempio felice di questa volontà salvifica di Dio. Quell’uomo non apparteneva al popolo di Israele e non si dice nel testo che era un converso. Ma due cose ci vengono dette di lui. La prima è che era una persona buona e caritatevole, tanto che il popolo, per ricambiargli la sua bontà, manda una ambasceria da Gesù.

La seconda è la sua umiltà che si manifesta nel non sentirsi in diritto di essere servito perché è qualcuno. Bontà e umiltà: non sono ancora la fede esplicita, ma sono il suo inizio e la sua custodia. E il Signore usa questo mezzo per farsi trovare e per farsi riconoscere.

Non a caso, è da questo centurione che impariamo i sentimenti per prepararci ad accogliere Gesù ogni volta che ci accostiamo alla santa comunione eucaristica. Se andrai a messa oggi, metti tutto il cuore nelle sue parole che ripeterai.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Neanche in Israele ho trovato una fede così grande.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 7, 1-10

In quel tempo, Gesù, quando ebbe terminato di rivolgere tutte le sue parole al popolo che stava in ascolto, entrò in Cafàrnao.
Il servo di un centurione era ammalato e stava per morire. Il centurione l’aveva molto caro. Perciò, avendo udito parlare di Gesù, gli mandò alcuni anziani dei Giudei a pregarlo di venire e di salvare il suo servo. Costoro, giunti da Gesù, lo supplicavano con insistenza: «Egli merita che tu gli conceda quello che chiede – dicevano –, perché ama il nostro popolo ed è stato lui a costruirci la sinagoga».
Gesù si incamminò con loro. Non era ormai molto distante dalla casa, quando il centurione mandò alcuni amici a dirgli: «Signore, non disturbarti! Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto; per questo io stesso non mi sono ritenuto degno di venire da te; ma di’ una parola e il mio servo sarà guarito. Anch’io infatti sono nella condizione di subalterno e ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».
All’udire questo, Gesù lo ammirò e, volgendosi alla folla che lo seguiva, disse: «Io vi dico che neanche in Israele ho trovato una fede così grande!». E gli inviati, quando tornarono a casa, trovarono il servo guarito.

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.