Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2021

155

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il libretto “Parola e Preghiera” oppure il suo canale Telegram.

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


Noi formiamo le nostre abitudini e le nostre abitudini ci formattano. Il paralitico del vangelo è stato abituato dalla durezza della vita a ricevere i beni con il contagocce. L’apparire di Gesù sembra troppa grazia.

Non riesce ad accoglierlo facilmente. Ha bisogno di essere guarito dalla paralisi delle abitudini per vedere l’opera del Signore Gesù e accogliere successivamente una guarigione fisica. Così anche i fissati del sabato. Non vedono la persona, vedono solo l’orologio e il timer della loro bravura. Sono così abituati al tempo che passa, che non vedono il kairos di Dio.

Chissà quali abitudini in noi ci paralizzano il cuore e la fede. Mettiamoci in ascolto del Signore e della nostra vita e chiediamo a Colui che è la sorpresa di Dio di guarirci.

Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 16 Marzo 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2021