Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2020

73

Cos’è la fede? È un’amicizia che vuole diffondersi. Non è troppo ardire! È quanto traspare da questo vangelo in cui Gesù parla senza riserve. Dio in persona ci chiama amici.

Ci dice che ci ha confidato i segreti più profondi della vita divina e del suo progetto d’amore. Ma questo amore non vuole essere esclusivo. Vuole diffondersi per includere chi ha il cuore aperto, chi si apre al comandamento dell’amore: «Amatevi gli uni gli alti, come io ha amato voi».

Quest’amicizia è confidenza, ma – per così dire – non è “confidenziale”. Vorrebbe fruttificare in tutte le vite che la accolgono. E noi siamo inviati per portare frutto. La nostra garanzia non è la nostra bravura, ma l’affidabilità di Colui che ci manda.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2020
Articolo successivoCommento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 17 Maggio 2020