Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 15 Dicembre 2020

114

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il libretto “Parola e Preghiera“.

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


«La sola cosa che importa è dire sempre di sì a Dio ogni volta che Lo incontriamo».

Queste parole di Julian di Norwich nelle sue Rivelazioni del Divino Amore, ci mostrano l’atteggiamento necessario di vigilanza e di prontezza che devono contraddistinguere la nostra attenzione spirituale. Nella vita – quell’occasione unica che non ha il lusso del rewind o del test drive – chi dorme non piglia pesci… o, meglio, se li piglia, ma in faccia.

Giovanni il Battista è uno dei quei profeti che non te le manda a dire. E bisogna considerare come una benedizione la presenza di figure come lui nella nostra vita. Non i bacchettoni autoreferenziali, no! I profeti veri, quelli che sono trasparenti al Signore.

I vari (e i veri) “Battista” che attraversano la nostra vita ci invitano ad allenare i sensi per cogliere il passaggio dell’Agnello di Dio. Non è appartenere a qualche categoria che ci favorisce, ma la predisposizione del cuore, quel cuore innamorato e vivo che veglia, anche quando dormiamo, come il cuore della Sposa del Cantico dei Cantici.

Testo tratto dal PDF del mese di dicembre offerto da Chiesa Viva.

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 15 Dicembre 2020
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 15 Dicembre 2020