Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 10Febbraio 2020

324

«… e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati».

Hai mai pensato di essere il lembo del mantello di Cristo. Madeleine Delbrêl l’aveva ben capito dopo la sua conversione. Dice infatti: «Ogni cristiano nel mondo è una frontiera di grazia». La tua presenza come battezzato non rappresenta solo te, ma ripresenta Cristo.

Tutto questo è un tuo possibile potenziale, una tua possibile grazia. È nella tua apertura alla grazia che il potenziale diventa realtà, diventa atto. Sei «Cristoforo», portatore di Cristo, renditi disponibile per essere il suo tocco e la sua luce.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Quanti lo toccavano venivano salvati.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 6, 53-56   In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata fino a terra, giunsero a Gennèsaret e approdarono. Scesi dalla barca, la gente subito lo riconobbe e, accorrendo da tutta quella regione, cominciarono a portargli sulle barelle i malati, dovunque udivano che egli si trovasse. E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati.   Parola del Signore