Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 10 Gennaio 2021

132

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il libretto “Parola e Preghiera“.

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


Una domanda che sorge spontanea riguardo al battesimo di Gesù è la seguente: se il battesimo di Giovanni era un battesimo di conversione e di remissione dei peccati, perché Gesù l’ha ricevuto?

Aveva bisogno di essere purificato? Non è lui il santo di Dio, l’agnello senza macchia? Gesù non riceve il battesimo come necessità personale. Lo riceve per noi! Colui che viene a donarci il battesimo nello Spirito, il battesimo nuziale dell’unione con Dio, accetta di ricevere il battesimo per il perdono dei peccati con il quale si immedesima con tutti noi.

L’agnello senza macchia diventa l’agnello che porta il peccato del mondo. Non i peccati propri, ma i nostri. Noi non potevamo elevarci con le sole nostre forze verso di lui. Per questo, egli stesso è sceso nella nostra povertà per portarci da lui, per comunicarci la sua purezza. Il battesimo di Gesù è paragonato da alcuni Padri della Chiesa al fidanzamento di Cristo sposo con la Chiesa sposa.

È il “sì” di Gesù a me e a te. Rinnoviamo anche noi il nostro sì a lui.

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 9 Gennaio 2021 – Mc 6, 45-52
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 10 Gennaio 2021