Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 1 Settembre 2020

102

«Basta! Che abbiamo a che fare con te, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? So bene chi sei: il Santo di Dio!». In questa domanda c’è tutta l’assurdità della logica del male e del maligno. La pretesa di autonomia.

L’illusione di poter fare a meno di Dio e della relazione con Lui. Vista così, la situazione dell’indemoniato di Cafarnao non rimane più l’episodio isolato di un esorcismo di un paio di millenni fa. Mi interpella e mi interroga: io, nella mia vita, ci sono zone simili al “no fly zone”, zone “Jesus free”? Se ci sono zone così, la prima cosa da fare è esorcizzare la mia immagine di Dio. Può essere l’immagine del Dio prigioniero della domenica, lo scarto per le domeniche e le feste raccomandate e poi…

Torna allo scarto. Può essere il Dio dei sensi di colpa. Si fa presente (e pesante) solo nei miei rimorsi e nelle beghe della mia anima… I santi, come Francesco e Newman, ci insegnano che il Signore è «Mio Dio e mio tutto», e che la sua presenza è una «luce gentile». Lasciamo che questa immagine vera e autorevole esorcizzi la nostra immagine di Dio e ricolmi la nostra vita.


Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.