Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 1 Aprile 2020

101

«Liberare la libertà» è un’espressione che si ripete varie volte nel magistero di Giovanni Paolo II.

Sopratutto quando parla ai giovani e quando parla di vita morale. L’espressione fa capire che la libertà non è un dato di fatto, ma è qualcosa che va fatto, va realizzato, cioè reso reale. E se dovessimo chiedere a Gesù: cosa bisogna fare per essere veramente liberi?

Possiamo tirare fuori dalle sue parole in questo vangelo (e il suo contesto allargato) due indicazioni complementari. La prima è: renditi conto della fonte della tua dignità e della tua libertà filiale.quests fonte è la figliolanza ricevuta per grazia in Gesù Cristo; la seconda è: custodisci questa libertà facendo le opere della figliolanza ed evitando di cadere nella schiavitù del peccato.

In altre parole, dono e compito convergono. Il primato è del dono, ma anche il compito, ciò che fai del dono, è primario.

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il suo canale Telegram

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.