Riflessione al Vangelo del 25 febbraio 2018 – Un attimo di Pace

148

Fu trasfigurato davanti a loro

Io penso che è un momento di grande tenerezza quello della trasfigurazione ed è importante per me perché in fondo la fraternità ha bisogno di persone assetate, di una sete profonda delle persone.

E perché abbiamo sete? Perché abbiamo in fondo bisogno di stare con le persone. Una delle cose peggiori di oggi è la solitudine, fino a sentirsi solo. E allora Dio prende la costola di Adamo e fa Eva.

 

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

La parola costola in ebraico vuol dire il tuo faccia a faccia: uno che ti sta davanti, ti guarda, ti ascolta. Noi abbiamo sete in fondo degli altri, abbiamo sete di qualcuno davanti a noi. E la tendenza di oggi è quella di chiudersi.

E io credo che se freniamo la vita ci ammaliamo. Se loro avessero fatto davvero quelle tre tende, fossero rimasti lì, non ci saremmo noi, non ci sarebbe la storia che scorre.

Noi tendiamo a chiudere la vita. Io penso che buona parte delle malattie mentali e fisiche avvengano se freni la vita.

Se tu odi una persona per un anno ti ammali, se stai in una dimensione chiusa, anche di fraternità, ti ammali, perché la vita deve scorrere.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della II Domenica del Tempo di Quaresima – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 25 Febbario 2018 anche qui.

Mc 9, 2-10
Dal Vangelo secondo Marco

2Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro 3e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. 4E apparve loro Elia con Mosé e conversavano con Gesù. 5Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosé e una per Elia». 6Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. 7Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». 8E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
9Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti.10Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 25 Febbraio – 03 Marzo 2018
  • Tempo di Quaresima II
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO