Riflessione al Vangelo del 20 febbraio 2018 – Un attimo di Pace

413

Il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno

Un giorno ci recammo in un santuario tra i monti. Era domenica, c’era la neve. Un santuario dedicato a Maria, ma non c’andammo principalmente per devozione bensì per partecipare alla celebrazione dell’Eucaristia. Dissi a mia figlia: «Affidiamo alla Madonna questo nostro tempo così particolare e non facile». Non sono una persona che di solito lo fa.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Amo fare tutto da me. Anche l’intercessione dei Santi mi pare un’invasione di campo. Eppure il periodo era così difficile che mi ritrovai più umile e meno arrogante anche con il cielo.
Mia figlia fece il suo dovere e fece il suo discorso alla Madonnina.

Alla sera avevamo due letti in camera montati e non servì più dormire per terra. Erano arrivati per strane vie quasi imbarazzanti come coincidenze e senza averli chiesti. Erano nella lista delle cose che avrei voluto dare a mia figlia in quel tempo di particolare indigenza. Alla sera prima di dormire ci scambiammo qualche idea:

– Mamma? È stata la Madonnina.
– Non penso, non lavora in un negozio di mobili.
– E allora chi è stato?

“Il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno”: lo dice Gesù. Quello che deve arrivare, viene. Non siamo soli al mondo. Siamo, anzi, molto meno soli di quello che pensiamo.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 6, 7-15
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.
Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male.
Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.