Riflessione al Vangelo del 15 febbraio 2018 – Un attimo di Pace

25

Quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero? (Lc 9)

È una domanda che sembra stata scritta oggi e non millenni fa. Sembra la “big question”, la grande domanda di un coach – si direbbe oggi – ai suoi clienti. Quale profitto?

Il Maestro non dava pace ai suoi discepoli. Li torturava con domande capaci di insinuare il virus del dubbio in ogni certezza umana.

A quale uomo e donna non piacerebbe guadagnare il mondo intero? Perché dovremmo vergognarci di ammettere che vorremmo tutti avere di più? Il nostro istinto ci spinge ad accumulare ricchezza ma ogni raccolto chiede anche uno spazio di stoccaggio: i beni economici rubano spazio per altri tipi di bene?

Ogni mattina, salutando i figli, si potrebbe provare a dare una risposta sempre inedita a questa domanda. Quale vantaggio? Il Maestro ci chiede di portare il loro volto con noi, nelle nostre giornate, e di non perdere di vista noi stessi per nessun guadagno.

Qualcuno a casa ci attende e ci ama oltre ogni ricchezza. Oltre ogni vantaggio.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 9, 22-25
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».
Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso?».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.