Piotr Zygulski – Commento al Vangelo del 4 Luglio 2020

179

Non va disprezzato il dubbio dei discepoli del Battista che domandano a Gesù il motivo del non digiuno dei suoi discepoli. Indirettamente gli stanno chiedendo di capire meglio il senso del loro digiunare in quanto discepoli del Battista, dopo il suo arresto o forse la sua morte. Teniamo presente che Gesù stesso aveva digiunato e forse anche più di loro; ad esempio nel deserto “quaresimale”.

Eppure, probabilmente per via delle predicazioni itineranti, i suoi discepoli non partecipavano a tutti i digiuni volontari con l’assiduità plurisettimanale dei farisei e di quei discepoli del Battista. Forse uno potrebbe domandarsi chi sbaglia: chi digiuna più di quanto comandato o chi non digiuna insieme agli altri? Oggi potremmo rapprotarlo ad altro; per esempio, qualcuno domanda chi sia nell’errore: chi è tornato subito a Messa o chi è rimasto a casa?

Ma l’interrogativo dei giovannei è diverso e la risposta di Gesù pure; non si chiede di dividere chi sta facendo bene da chi sta facendo male, bensì di capire semplicemente il perché della diversità delle scelte. Come Chiesa abbiamo molto da imparare da questo stile: anziché contrapporre due decisioni diverse, impegniamoci a capire le ragioni dell’altro, presumendo che siano suggerite da esigenze di bene. Anziché additare e condannare chi si comporta diversamente, cerchiamo di comprenderne il perché, domandando apertamente e senza pregiudizi quali siano le motivazioni che stanno dietro.

E così Gesù aiuta i discepoli del Battista a capire che, se quel digiuno nasce dalla loro unità con lo sposo Giovanni che è stato tolto, ciò può essere un frutto degno della conversione. Eppure non per questo risulta più o meno degno rispetto a chi, per l’unità con lo sposo Gesù ancora presente, preferisce dare priorità al trascorrere più tempo alla sua sequela, anziché inscenare un triste muso lungo in disparte.


Commento a cura di:

Piotr Zygulski, nato a Genova nel 1993, dopo gli studi in Economia all’Università di Genova ha ottenuto la Laurea Magistrale in Filosofia ed Etica delle Relazioni all’Università di Perugia e in Ontologia Trinitaria all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), dove attualmente è dottorando in studi teologici interreligiosi. Dirige la rivista di dibattito ecclesiale “Nipoti di Maritain” (sito).

Tra le pubblicazioni: Il Battesimo di Gesù. Un’immersione nella storicità dei Vangeli, Postfazione di Gérard Rossé, EDB 2019.