Piotr Zygulski – Commento al Vangelo del 30 Novembre 2019

6

In un’ambientazione battesimale viene collocata la chiamata dei primi discepoli, incluso Andrea fratello di Simon Pietro e come lui pescatore di mestiere. Abbiamo infatti tanta acqua: un mare d’acqua è quello di Galilea, detto lago di Tiberiade, sul fiume Giordano.

E proprio lungo il Giordano operava Giovanni il Battezzatore, maestro di Gesù e di altri che poi formeranno il gruppo degli apostoli. Come diceva il Battezzatore di Gesù: ecco colui che viene dopo, ecco la persona che segue. Gesù chiede pure ad Andrea di fare la medesima cosa: andare dietro di lui, seguirlo.

Anche l’invito a diventare pescatori di uomini sembra un invito a battezzare, come faceva Giovanni: nell’acqua e poi emergendo dall’acqua stessa, per formare il Popolo di Dio, Popolo misericordiato, affinché regni pienamente quella giustizia sulla terra, come in cielo. Assieme al fratello, Andrea è chiamato BarJona, figlio di Giona; forse persino questo è il segno battesimale di un’emersione dalla bocca del pesce e di conversione dalla propria testardaggine.

Figli di Giona, cioè eredi della sua esperienza di dubbio, di perplessità e di finanche rifiuto, raggiunti da una misericordia che supera ogni rigidità umana, riescono a mettersi subito in cammino quando la loro vita viene pescata dalla Parola e la Parola entra nella loro vita. Di Pietro ci è raccontato il rinnegamento, su Andrea ne sappiamo meno. Eppure quel “subito” mi fa pensare che entrambi, insieme, sempre, siano stati pronti a cominciare e a ricominciare.

Commento a cura di:

Piotr ZygulskiPiotr Zygulski, nato a Genova nel 1993, dopo gli studi in Economia all’Università di Genova ha ottenuto la Laurea Magistrale in Filosofia ed Etica delle Relazioni all’Università di Perugia e in Ontologia Trinitaria all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), dove attualmente è dottorando in studi teologici interreligiosi. Dirige la rivista di dibattito ecclesiale “Nipoti di Maritain” (sito).

Tra le pubblicazioni: Il Battesimo di Gesù. Un’immersione nella storicità dei Vangeli, Postfazione di Gérard Rossé, EDB 2019.


Essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Dal Vangelo secondo Matteo Mt 4, 18-22 In quel tempo, mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedèo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono. Parola del Signore
Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 30 Novembre 2019
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 30 Novembre 2019