Piotr Zygulski – Commento al Vangelo del 3 Novembre 2019

3

È difficile che un ricco possa salvarsi. Però non è impossibile: l’episodio di Zaccheo lo dimostra. Forse era il più ricco in quanto il più grande ladro del paese, al punto tale che il disprezzo per il suo collaborazionismo con gli invasori superava l’invidia per i suoi possedimenti.

Eppure, nonostante la folla lo ostacolasse, ha trovato un modo per capire l’identità di Gesù: ha conosciuto e superato il proprio limite concreto non con il denaro, ma arrampicandosi come una scimmia, su un albero. E proprio lì viene raggiunto dallo sguardo verso il cielo di Gesù, che lo invita a tornare coi piedi per terra, invitandosi a casa sua. Come continuamente chiede di essere anche nostro ospite. In questo caso il desiderio di Gesù incontra proprio quello concreto di Zaccheo, colto come un frutto oggi finalmente maturo, che inizia a vivere la gioia di qualcuno che ha scelto di condividere un po’ di tempo con lui.

Immaginiamo che non avesse molti amici, che nessuno volesse pranzare con un peccatore come lui, che chi lo conosceva faceva finta di non conoscerlo. Ma quando vedono Gesù accolto concretamente da Zaccheo i benpensanti mormorano. Qui forse l’invidia era ancora maggiore del disprezzo: noi potremmo ospitarlo meglio! È indegno che quello accolga un uomo così santo! Gesù così si sporca!

Già, si lascia accogliere volentieri anche da Zaccheo, pecora considerata da tutti perduta, che invece solamente attendeva la gioia di ospitare nella sua vita una presenza in carne ed ossa per avere la forza di cambiare. Accogliendo quella persona che gli si presenta come amico, scopre una parte inedita di sé: la sua ricchezza interiore è ancora più ricca di quella esteriore, la quale ha nascosto per troppo tempo quella vera del suo cuore.

Essa gli si svela quando approfitta concretamente del massimo bene possibile che può fare oggi, consapevole del male male passato per il quale pone abbondantemente rimedio, cogliendo l’occasione della restituzione per slanciarsi dalla sua piccolezza nel donare e crescere nel donarsi.

Commento a cura di:

Piotr ZygulskiPiotr Zygulski, nato a Genova nel 1993, dopo gli studi in Economia all’Università di Genova ha ottenuto la Laurea Magistrale in Filosofia ed Etica delle Relazioni all’Università di Perugia e in Ontologia Trinitaria all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), dove attualmente è dottorando in studi teologici interreligiosi. Dirige la rivista di dibattito ecclesiale “Nipoti di Maritain” (sito).

Tra le pubblicazioni: Il Battesimo di Gesù. Un’immersione nella storicità dei Vangeli, Postfazione di Gérard Rossé, EDB 2019.

Letture della
XXXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C

Prima Lettura

Hai compassione di tutti, perché ami tutte le cose che esistono.

Dal libro della Sapienza
Sap 11,22 – 12,2

 
Signore, tutto il mondo, infatti, davanti a te è come polvere sulla bilancia,
come una stilla di rugiada mattutina caduta sulla terra.
 
Hai compassione di tutti, perché tutto puoi,
chiudi gli occhi sui peccati degli uomini,
aspettando il loro pentimento.
 
Tu infatti ami tutte le cose che esistono
e non provi disgusto per nessuna delle cose che hai creato;
se avessi odiato qualcosa, non l’avresti neppure formata.
 
Come potrebbe sussistere una cosa, se tu non l’avessi voluta?
Potrebbe conservarsi ciò che da te non fu chiamato all’esistenza?
 
Tu sei indulgente con tutte le cose, perché sono tue,
Signore, amante della vita.
Poiché il tuo spirito incorruttibile è in tutte le cose.
 
Per questo tu correggi a poco a poco quelli che sbagliano
e li ammonisci ricordando loro in che cosa hanno peccato,
perché, messa da parte ogni malizia, credano in te, Signore.
Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 144 (145)
R. Benedirò il tuo nome per sempre, Signore.

O Dio, mio re, voglio esaltarti
e benedire il tuo nome in eterno e per sempre.
Ti voglio benedire ogni giorno,
lodare il tuo nome in eterno e per sempre. R.
 
Misericordioso e pietoso è il Signore,
lento all’ira e grande nell’amore.
Buono è il Signore verso tutti,
la sua tenerezza si espande su tutte le creature. R.
 
Ti lodino, Signore, tutte le tue opere
e ti benedicano i tuoi fedeli.
Dicano la gloria del tuo regno
e parlino della tua potenza. R.
 
Fedele è il Signore in tutte le sue parole
e buono in tutte le sue opere.
Il Signore sostiene quelli che vacillano
e rialza chiunque è caduto. R.
 

Seconda Lettura

Sia glorificato il nome di Cristo in voi, e voi in lui.

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési
2 Ts 1,11 – 2,2

 
Fratelli,  preghiamo continuamente per voi, perché il nostro Dio vi renda degni della sua chiamata e, con la sua potenza, porti a compimento ogni proposito di bene e l’opera della vostra fede, perché sia glorificato il nome del Signore nostro Gesù in voi, e voi in lui, secondo la grazia del nostro Dio e del Signore Gesù Cristo.
 
Riguardo alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo e al nostro radunarci con lui, vi preghiamo, fratelli, di non lasciarvi troppo presto confondere la mente e allarmare né da ispirazioni né da discorsi, né da qualche lettera fatta passare come nostra, quasi che il giorno del Signore sia già presente.

Parola di Dio

Vangelo

Il Figlio dell’uomo era venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 19,1-10

 
In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là.
 
Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
 
Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
 
Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

Parola del Signore