Piotr Zygulski – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2019

4

Ogni generazione potrebbe essere l’ultima, quella dei tempi della venuta del Regno di Dio nella sua compiutezza. Quella generazione che sarà presente ai segni grandiosi nel cielo, nei mari e sulla terra vedrà la pienezza di tutto quanto deve compiersi. Avverrà tutto, e quelle persone ne saranno testimoni.

Saranno loro ad assistere agli sconvolgimenti e alle avvisaglie della nuova era che si apre; non sarà troppo difficile individuarle. Senza troppe ansie, però, perché comunque l’evento conclusivo è di estrema gioia: l’esodo degli esodi, l’uscita delle uscite, la promessa delle promesse.

Non quindi una cosa improvvisa, ma il luogo liberatorio per ogni oppresso, sfruttato, tormentato che lo attende: lì, in quella libertà desiderata, ogni Parola uscita dalla bocca di Dio ha le proprie radici e può germogliare, sempreverde, quando la nostra vita si innesta in essa.

Così quella generazione non verrà meno, perché così strettamente legata a quel progetto di Dio che non può venire meno. Solo nella Parola di Dio troviamo quel “per sempre” che ci fa vivere, appunto, per sempre. Chi si innesta nell’Eterno partecipa della sua stessa eternità e proprio da essa trova tutta la forza per uscire: per coinvolgere tutti in quella gioia.

Commento a cura di:

Piotr ZygulskiPiotr Zygulski, nato a Genova nel 1993, dopo gli studi in Economia all’Università di Genova ha ottenuto la Laurea Magistrale in Filosofia ed Etica delle Relazioni all’Università di Perugia e in Ontologia Trinitaria all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), dove attualmente è dottorando in studi teologici interreligiosi. Dirige la rivista di dibattito ecclesiale “Nipoti di Maritain” (sito).

Tra le pubblicazioni: Il Battesimo di Gesù. Un’immersione nella storicità dei Vangeli, Postfazione di Gérard Rossé, EDB 2019.


Quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21, 29-33

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
«Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno».

Parola del Signore