Piotr Zygulski – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2020

173

La vita cristiana non è un azzardo, sebbene pensatori come Pascal abbiano parlato di una “scommessa” nella quale, nel peggiore dei casi, non si perde nulla. Il vangelo di oggi ce la descrive piuttosto come un investimento dal rendimento certo, un affare epocale, una realtà per cui davvero ne vale la pena orientare la propria vita.

Matteo infatti propone una coppia di parabole, complementari, che vanno in questa direzione: quella del tesoro nascosto nel campo e quella del mercante di perle. Nel primo caso si tratta probabilmente di un ritrovamento fortuito da parte di un bracciante, pensiamolo povero, sottopagato e precario; egli riconosce il tesoro scoperto e subito lo nasconde nuovamente, per poi comprare il campo in cui si trova e diventarne il legittimo proprietario.

Nel secondo caso il ricco mercante è protagonista attivo della ricerca: è un intenditore che meglio di altri si rende conto della preziosità che può ottenere; anch’egli può fare un affarone, comprandola con tutte le ricchezze che ha, riconoscendo che la perla ne vale ancora di più. A differenza del tesoro nascosto, qui accade tutto alla luce del sole, ma altrettanto legalmente e gioiosamente. Ora guardiamo ai proprietari originari del campo e della perla: cosa avranno pensato?

Probabilmente a un impazzimento, a una follia, o perlomeno a un azzardo rischioso da parte dell’acquirente. Ma la gioia straordinaria del bracciante e del mercante per quella decisione apparentemente insensata non li ha proprio insospettiti? Evidentemente quelli avevano qualche elemento in più per valutare, con maggiore realismo, il valore della perla e del campo.

Tuttavia i primi proprietari hanno preferito ricevere i soldi nell’immediato, mentre i beni sono finiti a chi meglio sa apprezzarne e valorizzarme sin da ora la preziosità ignorata dagli altri.


Commento a cura di:

Piotr Zygulski, nato a Genova nel 1993, dopo gli studi in Economia all’Università di Genova ha ottenuto la Laurea Magistrale in Filosofia ed Etica delle Relazioni all’Università di Perugia e in Ontologia Trinitaria all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), dove attualmente è dottorando in studi teologici interreligiosi. Dirige la rivista di dibattito ecclesiale “Nipoti di Maritain” (sito).

Tra le pubblicazioni: Il Battesimo di Gesù. Un’immersione nella storicità dei Vangeli, Postfazione di Gérard Rossé, EDB 2019.