Piotr Zygulski – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020

29

In questo discorso giovanneo si fa dire a Gesù che il Padre è più grande di Lui. Questa affermazione, che sembrerebbe mettere in crisi la Trinità, in realtà non è di tipo dogmatico. Non sta dando la definizione delle Persone divine, con le specifiche “missioni” e la relazione che intercorre tra esse.

Potremmo piuttosto dire che c’è una realtà più grande rispetto alle tante idee schematiche che ci siamo fatti di Dio. Quelle dovranno andare in crisi. Gesù è pronto a tutto, obbediente, amante. Perché ama la realtà, ama il Padre, ama la nostra natura. E allora desidera che ci tuffiamo, con Lui, in questa gioia che ci riserva sempre sorprese.

Ma soprattutto, che questa vastità che si apre ci conduca a credere davvero nel più grande che si fa più piccolo per amore.

Piotr ZygulskiPiotr Zygulski, nato a Genova nel 1993, dopo gli studi in Economia all’Università di Genova ha ottenuto la Laurea Magistrale in Filosofia ed Etica delle Relazioni all’Università di Perugia e in Ontologia Trinitaria all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), dove attualmente è dottorando in studi teologici interreligiosi. Dirige la rivista di dibattito ecclesiale “Nipoti di Maritain” (sito).

Tra le pubblicazioni: Il Battesimo di Gesù. Un’immersione nella storicità dei Vangeli, Postfazione di Gérard Rossé, EDB 2019.


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 12 Maggio 2020 – Padre Antonio Salinaro
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020