Per la Famiglia – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2018

74

Oggi scopriamo che la vita cristiana è un viaggio con Gesù. E nella sua “auto” entrano tutti: i parenti, gli amici … Benché molte persone si sommano ad essere cristiani, in realtà non viaggiano con Gesù: rimangono al punto di partenza o abbandonano presto o fanno un altro viaggio con altri compagni … Quello? Problemi con il bagaglio!

Allora … il bagaglio è la croce! Vale la pena se è per camminare con Gesù!

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 14, 25-33
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:
«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.
Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.
Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Fonte

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2018
Articolo successivodon Stefano Buttinoni – rifiutare il dono e il donatore