Per la Famiglia – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2018

77

Oggi Gesù-profeta ci prepara per il cammino. Non era la prima volta che ci avvertiva delle tribolazioni (incomprensioni, persecuzioni …) che sarebbero venute —e sono arrivate— nel tempo. Nessuno è stato così perseguitato come Gesù Cristo e i suoi discepoli! San Paolo stesso ci ha perseguitato a morte. Ma, «abbiate fiducia; io ho vinto il mondo!».

Perché Dio permette così tante persecuzioni? Solo Lui lo sa, ma intravediamo in esso un grande Amore: quanta Pazienza! Quanta Misericordia! Ed è così che Dio sconfigge il mondo. Anche noi: «Con la vostra perseveranza salverete le vostre anime». Sangue di martiri, seme di cristiani!

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 21, 12-19
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza.
Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Fonte

Articolo precedenteGesuiti – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2018
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 27 novembre 2018