Per la Famiglia – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2018

70

Oggi viene a caso questo serio avvertimento di Gesù. L’avviso è ancora valido, molto valido! In molte aree della società occidentale il senso del sacro è stato indebolito. Ci sono alcuni luoghi dove i matrimoni (o i funerali o le Prime Comunioni) sembrano più uno stadio (o sala per conferenze) che un tempio. Meno preghiamo, più parliamo!

Quando Gesù si è dispiaciuto nel Tempio (2000 anni fa), Lui non era ancora presente attraverso l’Eucaristia. Ora si!, Immagina allora che dispiacere per Lui.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 19, 45-48
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, dicendo loro: «Sta scritto: “La mia casa sarà casa di preghiera”. Voi invece ne avete fatto un covo di ladri».
Ogni giorno insegnava nel tempio. I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell’ascoltarlo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Fonte

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2018
Articolo successivoContemplare il Vangelo di oggi – 23 Novembre 2018 – Lc 19, 45-48