Per la Famiglia – Commento al Vangelo del 22 Dicembre 2018

4

Oggi siamo colpiti dalla risposta della Vergine davanti la lode che ha fatto sua cugina Elisabetta. Maria risponde con una preghiera che è già tradizionale, chiamata il “Magnificat”. Lei non ha paura di Dio e, quindi, proclama la grandezza di Dio. Egli loda il Signore con gratitudine e gioia, ricordando i benefici che Dio ha dato a Israele per secoli.

Sapete perché Erode temeva Gesù? Perché non pregava! e quindi non capì che Dio è infinitamente buono.

Fonte

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 1, 46-55
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Maria disse:
«L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi – 22 Dicembre 2018 – Lc 1, 39-45
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al #Vangelo del 22 Dicembre 2018