Per la Famiglia – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2018

72

Oggi vediamo il “buon ladrone” (Dima) che, incontrandosi con le “mani vuote” e pronto a morire, dice: «Gesù, ricòrdati di me quando entrerai nel tuo regno». Una preziosa richiesta e una buona lezione per noi: se siamo poveri nello spirito ci metteremo nelle mani di Dio. Solo lui può purificarmi per raggiungere il Cielo. – Gesù, perdonami, perdona i momenti nei quali ti ho dispiaciuto … Dima chiede un “regno” e Gesù gli garantisce il migliore dei regni: il Paradiso.

Gesù si da per tutti e noi chiediamo quel Paradiso per tutti coloro che sono già partiti. Qualche giorno anche te “partirai” e ti piacerà che gli altri ti aiutino chiedendo quel Paradiso per te.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 23,33.39-43
Dal Vangelo secondo Luca

Quando giunsero sul luogo chiamato Cranio, vi crocifissero lui e i malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male». E disse: «Gesù, ricòrdati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Fonte

Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi – 2 Novembre 2018 – Gv 6, 37-40
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 2 novembre 2018