Per la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 26 Luglio 2021

111

Oggi Gesù ci mostra un’altra caratteristica del suo regno: l’umiltà, la discrezione. In realtà, Dio stesso nacque e morì “piccolo”. La Chiesa è nata piccola e deve restare umile. L’impero (Roma), l’imperatore (Cesare Augusto), il Re (Erode), il Governatore (Ponzio Pilato) furono molto più grandi …

Dopo i secoli, si he adempiuta la “parabola del granello di senape”: di quelli “grandi” non resta nulla; Gesù, invece, è vivo e vive dapertutto.

AUTORE: Autori Vari
FONTE: Evangeli.net – Illustrazione: Francesc Badia

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021