Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 9 Novembre 2021

95

Davvero Dio ha messo piede su questa terra? Davvero la abita? La riflessione del popolo di Israele che, lentamente, prende coscienza di quanto è amato, ci introduce alla curiosa festa di oggi in cui in tutta la Chiesa si celebra la dedicazione della cattedrale di Roma (san Giovanni, non san Pietro).

La madre di tutte le Chiese invita le Chiese sorelle a fare memoria del senso del tempio nel cristianesimo che poco ha a che vedere con la visione del luogo sacro misterioso e intangibile. Ormai, per noi discepoli, è l’uomo ad essere il luogo che Dio abita e Dio cerca chi lo adora in spirito e verità. I luoghi in cui le comunità si radunano, allora, diventano luoghi santi perché radunano discepoli che celebrano il Santo.

Le chiese sono luoghi di incontro perché accolgono una Chiesa in costruzione. E se, lungo i secoli, spesso i nostri edifici sono diventati straordinari luoghi d’arte è perché accolgono una Chiesa. Ma se, purtroppo, si riducono ad essere solo (magnifici) musei di opere d’arte, dobbiamo interrogarci seriamente…

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 9 Novembre 2021 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 9 Novembre 2021