Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 9 Luglio 2020

68

L’annuncio del Vangelo, purtroppo, non sempre è bene accolto. Lo sa bene Gesù che vede crescere intorno a sé ostilità e rifiuto! Perciò si preoccupa di avvertire i suoi discepoli e noi della difficoltà dell’impresa.

Pur annunciando la strada verso la felicità con parole di perdono e di pace, spesso i cristiani incontrano resistenze e persecuzione. Perciò ci è chiesta la prudenza e l’astuzia che ci permettono di saper riconoscere coloro che non hanno nessuna intenzione di accogliere il Vangelo ma che, invece, tendono tranelli.

La tragica esperienza della distruzione del Tempio di Gerusalemme farà implodere il mondo giudaico: nel tentativo di salvare il salvabile i rabbini escluderanno dal resto di Israele anche i seguaci del Nazareno. Possiamo solo immaginare la reazione dei discepoli ebrei che, a causa della loro fede in Gesù, si ritrovarono scomunicati…

Oggi in molti paesi la persecuzione contro i cristiani è tornata a divampare. Preghiamo per questi nostri fratelli, chiediamo per loro la forza che viene dalla fede e per noi maggiore coerenza…

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO