Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 8 Gennaio 2021 – Mc 6, 34-44

129

Andiamo a vedere quanti pani abbiamo. Fermiamoci, una volta tanto, prendiamo in mano la nostra vita, prendiamo consapevolezza di cosa stiamo facendo, guardiamo a cosa siamo e cosa abbiamo.

E poi decidiamo cosa farne, di quei pochi pani e pochi pesci. Possiamo sederci e lamentarci, sbirciare i vicini che sono molto più forniti di noi e maledire il fato, il destino, per la nostra vita grama.

Oppure fidarci, ascoltare quel Cristo che ha compassione e chiede a me di averne. Quel Dio che potrebbe trasformare le pietre in pane e che, invece, chiede a me di mettere in gioco quello che sono, quello che ho. Che mi insegna a condividere e non chiudere occhi e orecchi davanti alla fame – di pane, di amore, di giustizia – di un mondo frastornato e confuso.

Andiamo a vedere e, oggi, doniamoli al Signore: sarà lui a farne cibo che sfama.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentedon Mauro Pozzi – Commento al Vangelo di domenica 10 Gennaio 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 8 Gennaio 2021