Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 8 Aprile 2021 – Lc 24, 35-48

275

Sono tornati sui loro passi i due fenomeni di Emmaus, la loro tristezza si è trasformata in gioia e mentre, concitati, raccontano del loro incontro col risorto, il risorto appare.

Così si manifesta, il Signore: quando, convintamente, parliamo di lui, quando raccontiamo della nostra vita trasformata dalla sua presenza, si accende una fiamma nel cuore di chi ci sta ascoltando. Che meraviglia! La fede si comunica così, da bocca ad orecchio, da esperienza ad esperienza.

Non siamo dei piazzisti che devono vendere una merce ma degli innamorati che raccontano di come la loro vita si è trasformata accogliendo l’inaudito di Dio. Una volta accesa la fiamma della curiosità, siamo invitati a scrutare le Scritture, ad imparare a leggerle e meditarle, grazie al dono dello Spirito.

Allora giungeremo alla soglia della conoscenza del mistero e starà a noi decidere…

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteCommento al Vengelo del 8 Aprile 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021 – Gv 21, 1-14